In base a quanto previsto da una bozza del Documento programmatico di bilancio, il bonus asilo nido sarebbe stato esteso anche al 2021. Tale misura, istituita nel dicembre del 2016 con un importo fino a mille mille euro, è stato innalzato nel 2020 e sarà quasi sicuramente riconfermato nel 2021. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo assieme requisiti e come presentare domanda.

Bonus asilo nido 2021, chi ne ha diritto e importi

Grazie alla bozza del Documento programmatico di bilancio, che anticipa gli interventi che caratterizzeranno la prossima manovra di finanza pubblica, è stato possibile evincere l’estensione al 2021 del bonus asilo nido. Posso farne richiesta anche i genitori di bambini con meno di tre anni di età affetti da gravi patologie croniche e che necessitano di forme di assistenza domiciliare. In questo caso, il genitore richiedente deve allegare, all’atto della domanda, un’attestazione rilasciata dal pediatra, che dichiari per l’intero anno di riferimento, “l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica”. In questo caso l’ente eroga il bonus in un’unica soluzione.

Il bonus asilo nido prevede tre fasce di importi massimi che vengono calcolati in base all’Isee, partendo da un minimo di 1.500 euro fino ad un massimo di 3 mila euro . In particolare:

  • 1.500 euro alle famiglie con reddito Isee superiore a 40 mila euro;
  • 2.500 euro alle famiglie con reddito Isee compreso tra i 25 mila euro e i 40 mila euro;
  • 3 mila euro alle famiglie con reddito Isee minore a 25 mila euro.

Tale importi si riferiscono all’intero anno, ma vengono frazionati in undici mensilità. In base all’Isee, quindi, le mensilità riconosciute possono variare dai 136,37 euro ai 272,72 euro.

Come presentare domanda

Una volta visto chi ne ha diritto e relativi importi, vediamo assieme come fare domanda. Ebbene, i soggetti in possesso dei requisiti richiesti possono presentare domanda attraverso vari canali:

  • online all’Inps attraverso il servizio dedicato;
  • contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • rivolgendosi ad un patronato che propone tale servizio.

Nel caso in cui si intenda usufruire del beneficio per più figli, si ricorda di dover presentare una domanda per ciascuno di essi. Una volta accolta la domanda, l’Inps provvede alla corresponsione del bonus nelle modalità di pagamento indicate dal richiedente nella domanda, ovvero tramite bonifico domiciliato, accredito su conto corrente bancario o postale, libretto postale oppure carta prepagata con IBAN. Per ottenere tale rimborso, la domanda deve essere presentata dal genitore che paga la a retta. Nel caso in cui non tutte le rette siano pagate dallo stesso genitore, allora ogni genitore può presentare domanda facendo riferimento alle mensilità corrisposte.